Costruire Casa con Bioisotherm: costi e vantaggi

31 gennaio 2020

Tempo di lettura: 7 minuti.

Costruire Casa con Bioisotherm: costi e vantaggi

Il nostro sistema costruttivo è una soluzione alternativa ai tradizionali metodi costruttivi per costruire casa. Si tratta di utilizzare una serie di casseforme in polistirene espanso per strutture in c.a. che consente di realizzare edifici ad alte prestazioni, quali:

  • contenimento delle dispersioni energetiche dell’involucro;
  • benessere e confort abitativo interno;
  • eccellenti prestazioni antisismiche;
  • adeguate caratteristiche di isolamento acustico;
  • utilizzo di materiali isolanti sostenibili per l’ambiente.

In questo articolo affrontiamo l’aspetto del cantiere. Prima del cantiere è bene fare una introduzione all’aspetto progettuale. Un cantiere funziona bene, senza intoppi, procedendo velocemente e terminando prima se è stato progettato bene.

Libertà di progettazione

Con il sistema costruttivo Argisol e Termosolaio è possibile realizzare edifici di qualsiasi forma in pianta ed in elevazione e di diversa destinazione d’uso. Non solamente con pareti rettilinee ma anche a profilo curvo, per un’edilizia a destinazione residenziale, uffici, alberghiera, direzionale ed ospedaliera.

Bioisotherm è in possesso di tutta una serie di particolari esecutivi utili al progettista per sviluppare al meglio l’edificio sia dal punto di vista architettonico che strutturale ed impiantistico.

Quali sono i vantaggi del sistema in cantiere?

 

Cantiere ordinato

L’allestimento del cantiere è semplice e veloce.
Il materiale arriva in cantiere su bancali e imballato con film protettivo. Viene scaricato a mano e solitamente stoccato all’interno del perimento dell’edificio.

I vari elementi sono pronti per essere posati direttamente a contatto nel piano di posa previa predisposizione delle tavole di registro per l’allineamento.

Attrezzatura in cantiere

Non sono necessarie attrezzature particolari per la posa degli elementi (sufficienti quelle normalmente presenti in cantiere). I vari elementi vengono posati a mano.

È necessario solo un seghetto a lama dentata per tagliare i singoli elementi in corrispondenza delle forometrie (porte/finestre) o dell’elemento a chiusura del perimetro. Non è necessaria malta o colla per l’incastro.

Ampia gamma degli elementi

  • Elemento Base
  • Angolo 90°
  • Controangolo 90°
  • Inserti in EPS
  • Inserti in Legno
  • Variatori di quota
  • Sponda solaio
  • Architrave
  • Elemento Base ribassato

L’ampia gamma degli elementi permette di realizzare qualsiasi forma dell’edificio sia in pianta che in altezza.
Combinando i vari elementi in cantiere è possibile realizzare qualsiasi nodo costruttivo termicamente corretto con soluzioni direttamente applicabili in cantiere.

Leggerezza degli elementi

I singoli bancali sono imballati in quantità tali da consentirne lo scarico a mano.
I blocchi Argisol pesano circa 3,0 Kg ciascuno e sono quindi facilmente movimentabili da un solo operatore.

La leggerezza degli elementi permette agli operatori di cantiere di operare in tutta sicurezza senza rischi. Non è necessaria la gru in cantiere. Sono possibili piccoli spostamenti manuali anche quando la casseforma inizia ad elevarsi e assumere la forma della parete.

I pannelli Termosolaio sono totalmente in EPS. Un pannello lungo 6,0 m pesa circa 30 kg, quindi facilmente movimentabile da uno o due operatori. I pannelli arrivano in cantiere a misura della lunghezza necessaria alla luce da coprire.
I pannelli vengono scaricati dal camion e direttamente posati nell’impalcato come da schema di posa concordato con l’impresa.

Una volta posati nel banchinaggio inferiore i pannelli sono subito pedonabili in tutta sicurezza senza necessità di reti anticaduta.

Versatilità e facilità di posa

L’ampia gamma di spessori disponibili permette una corretta scelta dello spessore di isolamento e dello spessore strutturale di calcestruzzo.

La posa dei vari elementi è intuitiva e semplice: i vari elementi sono tutti modulari con passo di 2,5 cm e basta una semplice pressione da parte dell’operatore per incastrare gli elementi fra loro. La posa quindi avviene a secco senza l’utilizzo di malta o colle. Il solo incastro degli elementi permette la tenuta al calcestruzzo.

Nel caso del Termosolaio il montaggio segue uno schema di posa precedentemente concordato con l’impresa. I pannelli arrivano in cantiere a misura e siglati secondo un codice alfa-numerico per individuarne la posizione sull’impalcato.

Una volta stoccati nel piano di posa vengono direttamente inseriti nella posizione indicata.
Gli elementi possono essere forniti già sagomati in stabilimento con abbassamenti in testa e in corrispondenza delle corree di ripartizione e tagliati secondo geometrie angolari.

Manodopera non specializzata

Questo significa che non è necessaria una maestranza particolare per la posa del materiale e che le capacità medie di una impresa esecutrice sono sufficienti per realizzare la parete ed i solai, anche alla prima esperienza in sistemi simili.

Non stiamo parlando di sistemi prefabbricati, nei quali è necessaria una squadra di addetti ai lavori specializzata per realizzare l’edificio, solitamente avvalendosi di mezzi meccanici di sollevamento o gru per la movimentazione delle pareti o solai dovute alle dimensioni e peso, ma di elementi preassemblati leggeri che uniti tra loro a secco realizzano la casseforma autoportante a contenimento del calcestruzzo per pareti o solai.

Predisposizione delle finiture

Le varie lastre cassero isolanti dei blocchi Argisol presentano un profilo sagomato a coda di rondine nel lato interno per una perfetta adesione e tenuta con il calcestruzzo, mentre il lato esterno è leggermente rigato per un miglior aggrappo del rasante per la finitura a cappotto.

Appositi segni nel blocco evidenziano il posizionamento dei distanziali interni per poter fissare direttamente con viti le lastre di cartongesso in aderenza o i profili per eventuali contropareti.

I pannelli Termosolaio possono essere accessoriati di profili a “C” direttamente incorporati in fase di stampaggio del pannello stesso per l’applicazione all’intradosso di lastre in cartongesso direttamente in aderenza o per il fissaggio della pendinatura nei controsoffitti ispezionabili.

I profili distano circa 1,0 cm dal fondo del pannello e hanno passo di 30 cm (modularità ideale per le lastre in cartongesso).
Apposite asole a passo costante ne identificano il posizionamento.

Servizio: attrezzatura a noleggio

Raggiunta l’altezza di piano la casseforma diventa autoportante ed è sufficiente una semplice attrezzatura composta da puntelli e tiraspingi  per la messa a piombo. Bioisotherm propone il noleggio dell’attrezzatura necessaria per le pareti, ulteriore servizio per l’impresa che non utilizza mezzi propri ma si vede arrivare in cantiere tutti i mezzi necessari a completamento della parete.

Servizio: assistenza in cantiere

Bioisotherm propone il servizio di assistenza in cantiere, per coloro che preferiscono una guida iniziale per la posa del materiale o per qualsiasi problematica da affrontare in cantiere mettendo a disposizione un proprio operatore esperto che lavorando in contemporanea con l’impresa locale propone soluzioni di velocità di cantiere e facilità di utilizzo.

Un cantiere in ARGISOL e TERMOSOLAIO richiede quindi un’organizzazione meno costosa rispetto ai sistemi di costruzione tradizionali.

La velocità di realizzazione inoltre si traduce in minori costi di noleggio delle attrezzature, di costi fissi di allestimento cantiere e di manodopera.

 

Le prestazioni dell’involucro

Con i casseri Argisol e Termosolaio si realizzano involucri con altamente qualitativi, in termini di:
 

•   Prestazioni sismo-resistenti

Il sistema costruttivo Argisol permette di ottenere maggiori performance antisismiche, rilevando bassissimi spostamenti delle strutture di piano minori in caso di terremoto. Questa maggiore resistenza è dovuta al fatto che:

  • non abbiamo singoli elementi resistenti puntuali (come i pilastri) ma una maggiore dimensione strutturale derivante dalle pareti, lungo il loro asse principale di inerzia maggiore (lunghezza);
  • tutte le pareti presenti resistono sia ai carichi verticali che alle azioni sismiche. La totalità delle pareti realizzate rappresentano una sovra-resistenza in caso di terremoto;
  • la progettazione segue un comportamento non dissipativo, utilizzando un fattore di comportamento ridotto (qnd) in modo da progettare la struttura con materiali che rimangono in campo elastico (le tensioni dell’acciaio e del calcestruzzo non raggiungono il campo di capacità anelastica del materiale);
  • tutta la struttura nel suo insieme è rigidamente collegata da una continuità strutturale del calcestruzzo armato sia in pianta che in altezza. Questo suo comportamento scatolare ne esalta le caratteristiche statiche e di sismo-resistenza.

 Scopri di più sul nostro articolo “La simoresistenza con Argisol: dettagli tecnici e normative” 

 

•   Disposizione delle barre di armatura

Disposizione delle barre di armature nei nodi dei telai

Disposizione delle barre di armatura nelle pareti Argisol

Come evidenziato dalla foto di sinistra, in presenza di strutture a telaio abbiamo la necessità di aumentare il quantitativo di armatura in corrispondenza dei nodi (aumento dei ferri correnti e della staffatura negli incroci tra travi e pilastri) per soddisfare le prescrizioni normative attuali (verifiche di duttilità NTC ’18). Questa disposizione delle armature, a volte si dimostra difficoltosa e l’interferro delle armature risulta non compatibile con il getto del calcestruzzo con problematiche di cantiere per i carpentieri e relativi rallentamenti.

Nelle pareti Argisol, invece, si tratta di disporre una serie di barre d’armatura a formazione di una maglia quadrata a passo costante (30 x 30 cm) di piccolo diametro con ferri orizzontali posizionati ad ogni corso in corrispondenza dei distanziali (in modo da assicurare l’adeguato copriferro) e ferri verticali calati dall’alto in corrispondenza delle chiamate uscenti dal piano di posa.

Questo si traduce in una posa facilitata da parte dei carpentieri e una maggiore velocità.

 Visualizza la posa delle armature nel sistema Argisol 

 

•   Prestazioni termiche

Il sistema costruttivo Argisol e Termosolaio permette di ottenere un involucro altamente prestazionale dovuto a:

  • doppio isolamento della parete (interno ed esterno a maggior spessore);
  • efficienza della materia prima utilizzata, il Neopor®, quale polistirene espanso a conduttività termica migliorata;
  • positiva influenza dell’inerzia capacitiva data dall’anima in calcestruzzo.

I diversi spessori di isolamento esterno dei casseri Argisol permettono di raggiungere trasmittanze termiche delle pareti fino a 0.13 W/m2K e con i pannelli Termosolaio fino a 0,18 W/m2K, valori ideali per edifici nZEB, classe A, CasaClima GOLD o passive house.

 

•   Ponti termici

Edificio a telaio: necessario lo studio dei ponti termici

Sistema Argisol e Termosolaio: ponti termici già corretti

Nello studio del contenimento termico dell’edificio, solitamente è necessaria una attenta progettazione dei vari nodi costruttivi per evitare l’insorgere di punti dispersivi o freddi e di conseguenza una onerosa corrispondenza della posa in opera. Nei sistemi Argisol l’involucro è già correttamente isolato a partire dalla fondazione fino alla copertura.
Gli elementi della gamma produttiva gestiscono qualsiasi nodo costruttivo che viene agevolmente realizzato in cantiere.

 Leggi il nostro articolo “Ponte termico: cos’è e come evitarlo” 

Riduzione dei tempi di posa

I sistemi tradizionali vedono essenzialmente 3 fasi distinte di lavorazione, a volte gestite da diverse imprese, che sono:
1. realizzazione del telaio; 2. chiusura con laterizio per i tamponamenti e 3. l’isolamento (rivestimento a cappotto).

Il sistema costruttivo Argisol permette di realizzare in una sola fase la parete portante (allo stesso tempo anche antisismica) e la parete opaca di chiusura con l’isolamento integrato. Una volta gettata la parete e atteso il tempo di maturazione naturale del calcestruzzo questa è pronta per le finiture finali.

l’utilizzo dei pannelli Termosolaio permette di realizzare allo stesso tempo sia la parte strutturale del solaio che l’isolamento termico senza ulteriori strati di materiali isolanti posizionati nello strato dei pacchetti superiori dedicati ai massetti. La possibilità di aumentare lo spessore del fondello isolante migliora notevolmente le caratteristiche termiche e risulta vantaggioso nei solai confinanti con ambienti freddi, quali cantine, box auto, piani pilotis, coperture e solai aerati.

I materiali utilizzati

Supponiamo di costruire lo stesso edificio, ad es. una plurifamiliare di 3 piani fuori terra ed un eventuale piano interrato e di realizzarla con il sistema tradizionale e quello in Argisol e Termosolaio in modo da poter fare un confronto diretto dei vari materiali utilizzati e delle lavorazioni.
Sistema tradizionale
Sistema Argisol eTermosolaio
Come punto di partenza fissiamo lo stesso isolamento termico, nel sistema tradizionale realizzato con sistema a cappotto, mentre nel sistema Bioisotherm con i casseri dedicati Argisol per pareti e Termosolaio per solai sistemi a doppio isolamento ed andiamo a valutare le differenze.

Il cantiere realizzato con sistemi ARGISOL e TERMOSOLAIO rientra in un arco temporale di gran lunga inferiore rispetto ad un sistema tradizionale, pertanto:

  • diminuendo l’incidenza di tutti quei costi fissi: allestimento di cantiere (wc esterni, noleggio alimentazione elettrica, noleggio ponteggio, ecc.);
  • costi ridotti di noleggio gru (quando presente);
  • costi minori di manodopera e minor personale necessario in cantiere.

Un altro vantaggio immediato per il costruttore derivante dai tempi rapidi di realizzazione è di un incasso anticipato da parte dell’acquirente finale e quindi un rientro anticipato degli investimenti.

Una gestione di questo tipo risulta essere più rapida, economica e sostenibile.

Newsletter