BIOEDILIZIA: vantaggi e principi costruttivi da conoscere.

10 ottobre 2018

Tempo di lettura: 2 minuti.

Cosa si intende con la parola Bioedilizia

Oggigiorno si sente parlare sempre più spesso di bioedilizia, edilizia sostenibile e di materiali eco-sostenibili.
Ma cosa si intende di preciso con questi termini e perché la bioedilizia è così importante sia per l’inquilino che per il costruttore di un edificio?
Bioedilizia significa progettare e costruire edifici per limitare l’impatto ambientale. La sensibilità delle persone su questa tematica sta crescendo nel tempo e in particolare negli ultimi anni. La Bioedilizia non è una moda, ma sta piuttosto diventando un requisito imprescindibile per vivere meglio sul nostro pianeta.
Lo dimostrano gli obiettivi stessi per cui è nata:

  • l’efficienza energetica;
  • il miglioramento della salute, del comfort e della qualità degli abitanti;
  • la salvaguardia dell’ambiente attraverso l’uso limitato di risorse non rinnovabili, riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento.

Questo miglioramento è raggiungibile mediante l’integrazione nell’edificio di strutture e tecnologie appropriate.
Con la Bioedilizia è quindi possibile “costruire e vivere sano”.
L’inquilino che richiede un’abitazione sostenibile salvaguarda i propri interessi, ma anche quelli ambientali e delle generazioni future.
Ma in che modo avviene? Capiamolo meglio leggendo i vantaggi principali che derivano dalla bioedilizia.

Ecco i 6 vantaggi principali dell’edilizia sostenibile e bioedilizia:

I vantaggi che la bioedilizia regala agli inquilini e a tutti gli abitanti di un contesto abitativo sono molteplici. Vediamoli assieme:

  1. Enorme risparmio energetico grazie alla combinazione di tecniche e tecnologie utilizzate per la realizzazione di pareti, solai e tetti. Questi, combinati tra di loro, creano un perfetto involucro isolato termicamente e acusticamente. Ciò permette di ridurre al minimo la perdita di calore in inverno e di essere isolati dall’eccessivo calore esterno in estate. I costi di riscaldamento e climatizzazione si riducono drasticamente e l’ambiente ne guadagna in salute.
  2. Assenza di ponti termici. Negli edifici sostenibili non esistono ponti termici e questo garantisce la vivibilità in ambienti sani privi di umidità e di muffe.
  3. Minori costi di realizzazione e bassissima manutenzione del fabbricato. Una costruzione sostenibile lo è in tutte le fasi del suo ciclo di vita, dalla costruzione alla sua demolizione. I materiali sono scelti attraverso un confronto del loro ciclo di vita (LCA). Sono valutate le riserve energetiche derivanti dal loro utilizzo.
  4. Tempi di realizzazione rapidi. A differenza dell’edilizia tradizionale, per la quale sono previsti normalmente 2-3 anni, per questa bastano 5/8 mesi. Un ruolo determinate per snellire tutte le varie lavorazione viene effettuate da una attenta analisi in fase progettuale.
  5. Costi certi e reali. Tutto viene calcolato nel minimo dettaglio sin dall’inizio. I preventivi sono riconfermati in egual misura anche alla fine dei lavori.
  6. Nessun danno o disagio agli altri o all’ambiente. Tenere conto già dalla fase embrionale del progetto, delle risorse naturali a disposizione e delle esigenze dell’utente, permette all’edilizia sostenibile di inserirsi armoniosamente nel contesto prescelto e benessere delle persone.

Come realizzare un edificio eco-sostenibile?

Un bravo progettista deve sempre considerare questi principi fondamentali:

  • Vincoli naturali: deve studiare l’orientamento, il soleggiamento, illuminazione naturale e l’ombreggiamento prodotto dalle preesistenze, i fattori di ventilazione naturale;
  • Prestazioni energetiche dell’involucro: deve avere padronanza delle tecniche costruttive per ridurre in modo significativo il consumo energetico. Ciò permette autonomia energetica, risparmio finanziario e riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.
  • Soluzioni impiantistiche: deve essere capace di sfruttare al massimo le risorse naturali (come il sole), sistemi domotici di gestione, sistemi di sfruttamento e gestione dell’energia rinnovabile (con sistemi di recupero di calore), sistemi di rinnova della qualità dell’aria;
  • Scelta dei materiali: deve scegliere materiali certificati tenendo conto del loro LCA e delle possibili ricadute che in ogni fase (dalla produzione allo smaltimento) determinano sull’ambiente;
  • Organizzazione funzionale degli spazi: la fantasia progettuale, seppur esteticamente apprezzabile, deve essere frutto di una attenta analisi delle esigenze di vita e degli usi che ne farà l’occupante.

Costruire abitazioni in bioedilizia vuol dire trovare il giusto equilibrio tra lo stile umano della vita quotidiana e l’efficienza energetica dell’edificio.

Se anche tu vuoi una casa eco-sostenibile, energicamente efficiente e salutare, CONTATTACI.
Anche Bioisotherm utilizza un sistema costruttivo di bioedilizia.
Bioisotherm aiuta imprese, professionisti e privati nella realizzazione di edifici d’avanguardia nel rispetto dell’ambiente.