fbpx

Demolizione e ricostruzione con il Superbonus 110%

10 dicembre 2020

Tempo di lettura: 8 minuti.

Demolizione e ricostruzione con il Superbonus 110%

Come previsto dal Decreto Rilancio D.L. 34/2020 (divenuto L. 77/2020) che ha introdotto il Superbonus 110%, la detrazione maggiorata spetta anche nel caso in cui gli interventi vengano effettuati attraverso lavori di demolizione e ricostruzione.

Il Decreto Rilancio ha provveduto a suddividere le opere di riqualificazione energetica in due categorie di intervento in base alla loro “prevalenza” rispetto ad altri lavori essenziali da fare contestualmente: Trainanti e Trainati.

Vuoi saperne di più sul Superbonus 110%?
→ Leggi il nostro articolo: Superbonus 110%: per una casa a basso consumo e più sicura 

 

Demolizione e ricostruzione

Il comma 3 dell’art. 119 della Legge 77/2020:

“[…] Nel rispetto dei suddetti requisiti minimi, sono ammessi all’agevolazione, […] anche gli interventi di demolizione e ricostruzione di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d), […] di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380.
Tale intervento deve qualificarsi come intervento di ristrutturazione edilizia e non di nuova costruzione.

Gli interventi che danno diritto al Superbonus 110% possono essere realizzati anche attraverso lavori di demolizione e ricostruzione. Tali lavori devono qualificarsi come ristrutturazione edilizia ai sensi dell’art. 3, comma 1, lett. d) del Testo Unico dell’Edilizia (Dpr 6 giugno 2001, n.380).
La conversione in legge del Decreto Rilancio è avvenuta in concomitanza al Decreto Semplificazioni, che ha modificato la definizione di ristrutturazione edilizia ampliandone i termini applicativi, e che adesso invece assume la definizione qui sotto descritta.

La nuova definizione di Ristrutturazione Edilizia

La definizione di ristrutturazione edilizia è stata recentemente modificata dal DL Semplificazioni (Legge 120/2020). Oggi la ristrutturazione edilizia comprende “gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico. L’intervento può prevedere altresì, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana”.

Demo-ricostruzione: le regole nei centri storici

Il comma 3 art. 119 D.L. 34/2020, ammette all’agevolazione gli interventi di demolizione e ricostruzione descritti nella definizione di ristrutturazione edilizia contenuta nell’art. 3 comma 1 lettera d) del D.P.R. 380/01.

Nella nuova versione normativa si può affermare che la demolizione e ricostruzione del fabbricato è considerata ristrutturazione edilizia e quindi agevolabile col superbonus se compiuta così:

Zone escluse da vincoli paesaggistici e beni culturali, ed esterne alle Zone omogenee A (Centri e nuclei storici):

‣ a parità di volume: con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche plani volumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico;

‣ con aumento di volume: in aggiunta a quanto sopra, l’unica eccezione di incremento volumetrico è consentita per motivati interventi di rigenerazione urbana previsti dalla legislazione vigente o strumenti urbanistici comunali (P.R.G.).

Zone con vincoli paesaggistici e beni culturali, e Zone omogenee A (Centri e nuclei storici):

‣ la demolizione e ricostruzione di edifici con mantenimento di sagoma, prospetti, ove siano mantenuti sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche dell’edificio preesistente e non siano previsti incrementi di volumetria;

‣ ripristino edifici crollati o demoliti: idem come al punto precedente.

Demolizione e Ricostruzione con il Sismabonus

L’altra opzione di demolizione e ricostruzione è ammessa dall’art. 16 del D.L. 63/2013, meglio noto come “Sismabonus”. In particolare, c’è al suo interno il richiamo ad interventi comportanti il raggiungimento di certe prestazioni antisismiche (vedi disciplina tecnica di riferimento). Nel D.L. 63/2013 il Sismabonus è appunto legato o connesso agli interventi di ristrutturazione edilizia, tramite l’art. 16 comma 1-bis.

È possibile scegliere l’intervento di demolizione e ricostruzione non solo come intervento di efficentamento energetico, ma anche come intervento di miglioramento sismico, che permetta all’edificio di scalare qualche classe nella scala di rischio sismico.

Anche in questo caso l’intervento deve qualificarsi come intervento di ristrutturazione edilizia e non di nuova costruzione.

Il sistema costruttivo Bioisotherm per la Demo-Ricostruzione

L’altra opzione di demolizione e ricostruzione è ammessa dall’art. 16 del D.L. 63/2013, meglio noto come “Sismabonus”. In particolare, c’è al suo interno il richiamo ad interventi comportanti il raggiungimento di certe prestazioni antisismiche (vedi disciplina tecnica di riferimento). Nel D.L. 63/2013 il Sismabonus è appunto legato o connesso agli interventi di ristrutturazione edilizia, tramite l’art. 16 comma 1-bis.

Argisol è un sistema di costruzione modulare, costituito da una serie completa di blocchi cassero preassemblati con i quali si realizzano pareti portanti in calcestruzzo armato gettato in opera, termicamente isolate e pronte per la finitura finale. I vari elementi sono costituiti da due lastre a spessore variabile in polistirene espanso Neopor®, distanziate da staffe in lamiera zincata inglobate nel blocco in fase di stampaggio che rendono solidali ed equidistanti le due lastre garantendo la tenuta del cassero durante la colata di calcestruzzo. I distanziali sono opportunamente sagomati per l’alloggiamento delle barre d’armatura orizzontali.

Termosolaio è un pannello cassero per realizzare solai in calcestruzzo armato gettato in opera di interpiano, di copertura o di fondazione. I pannelli sono totalmente in materiale isolante: polistirene espanso. I pannelli vengono consegnati a misura e presentano un incavo centrale per la formazione del travetto portante in c.a. ed un fondello isolante (sotto il travetto) a spessore variabile da 4cm a 8cm che unisce le due parti di alleggerimento in eps. Ogni pannello all’interno ha incorporati n. 2 tralicci metallici tali da renderlo autoportante in prima fase fino a 2,00mt e due profili a “C” ad interasse 30cm per l’ancoraggio del rivestimento in cartongesso.

Sintesi delle fasi di posa

Ecco qui sotto descritte le semplici fasi di posa delle pareti Argisol e del Termosolaio per la realizzazione dell’involucro:

Posa del 1° corso Argisol

Elevazione della parete

Getto della parete

Posa dei pannelli Termosolaio

Banchinaggio inferiore in 1° fase

Getto del solaio

Vuoi visualizzare una sintesi delle varie fasi di posa per le pareti?
Scarica il documento illustrativo delle varie fasi di posa delle pareti ARGISOL 

Perché utilizzare il sistema Bioisotherm nella Demo/ricostruzione?

I vantaggi di utilizzare del sistema Bioisotherm per la ristrutturazione edilizia sono molteplici. Di seguito quelli di maggior rilevanza:

‣ SICUREZZA DELL’INTERVENTO
Non sempre negli interventi di ristrutturazione si riescono a raggiungere le performance migliori sia energetiche che strutturali; spesso si ricorre a soluzioni che sono un compromesso tra la vivibilità dell’edificio e la corrispondente efficacia dell’intervento.

‣ POSSIBILITÀ DI UTILIZZARE NUOVE TECNOLOGIE INNOVATIVE
Con Argisol e Termosolaio si ottengono ottimali prestazioni energetiche e strutturali grazie all’unione dell’isolamento termico dato dal doppio isolamento delle lastre in EPS-Neopor additivate con grafite a conduttività termica migliorata e delle prestazioni meccaniche del calcestruzzo per realizzare un involucro sismo-resistente ed già isolato.

‣ LA CASA REALIZZATA SECONDO I TUOI DESIDERI
Con il sistema costruttivo Bioisotherm si possono realizzare edifici di qualsiasi forma e dimensione in base ai gusti e preferenze del committente senza compromessi o rinunce. La tua vecchia casa sarà solo un ricordo e quella di nuova costruzione aumenterà di valore!

‣ CONTROLLO DEI COSTI
Stiamo parlando di un sistema costruttivo con costi certi che non lascia spazio a costi extra indesiderati come può essere il caso della ristrutturazione per lavorazioni impreviste che nascono in corso d’opera.

‣ VELOCITÀ DI REALIZZAZIONE
Il sistema costruttivo è veloce e permette di realizzare la tua casa in poco tempo e quindi accorciare i tempi di trasloco intermedi e rientrare nelle scadenze introdotte dalle agevolazioni fiscali.

Ecco qui di seguito due esempi di demolizione e ricostruzione avvenute con l’utilizzo di Argisol e Termosolaio:

Scopri gli altri vantaggi del sistema costruttivo Bioisotherm.

Per maggiori informazioni compila il form sottostante e contattaci!

CATEGORIE

Newsletter